martedì 20 giugno 2017

DOPO LA NOTTE (due poesie)






Dopo il vagare della notte

In voli siderali

Di cui resta un vago sapore

È inutile cercare di ricordare il sogno

Lui è ancora lì

Nella spossatezza

Che ci tiene

E ci vorrebbe acciambellati

Nel letto

Come gatti

Oppure far finta di dimenticare
Entrando a testa alta
Nella mischia delle ore

Quel tempo eterno

Senza orologi

Che abbiamo attraversato

Con il corpo pesante abbandonato

E la mente leggera che volava

Si è rappreso

Come sostanza nuova

Che ora ci appartiene

E siamo più ricchi ora

E più sapienti

Con un vapore dentro

Screziato d’oro

Che scolora









Il filo della notte

Tiene ancora cucite le mia ciglia

Solo squarci di luce

Come pozze

E il caldo della pelle

Dopo il sonno

Quasi a rabbrividire

Pian piano mi riportano

Nel giorno

Ma i passi sono lenti

Come di vecchia stanca

E la testa è ovattata di bianco

Uno stupore di domanda

Blanda

Dove sono?

Ripasso i gesti

Uno a uno

E abbraccio uno schedario

Di consuetudini

Come volume antico

E polveroso

Si tratta di ricomporre

Le parole strascicate

Che vengono alla mente

E accarezzarle lente

Grata dell’alfabeto

Che riappare luminoso



Ogni mattina imparo

Il gioco del mondo

















































                                                            

3 commenti:

  1. Ciao Elvira,
    solo per dirti che la seconda di queste tue due poesie è straordinaria: complimenti!
    E complimenti anche per il tuo sito: cercavo una cosa bella, l'ho chiesto a Mr. Google, e... l'ho trovata :-D
    Continua così ;-)

    RispondiElimina
  2. Grazie Agata, credevo di averti risposto, invece non l'ho fatto. Grazie per le tue belle parole, mi scaldano il cuore. E continua a frequentare il mio blog, è bello sapere che ci sono ancora persone che amano la poesia...

    RispondiElimina
  3. Certo ☺
    Comunque TUTTI amano la poesia
    se sanno amare 😉
    È che magari non sanno che si chiama così.
    O che, se vi dài spazio, ti salva la vita, te la trasforma in un'esperienza ogni giorno straordinaria.
    O, anche, è che non tutti la vedono.
    Bello che ci sia qualcuno
    che per lavoro
    ce la estrae dal reale 😉
    aiutando così i più a
    vederla
    quando i loro occhi sono offuscati.
    💕

    RispondiElimina